Translate

lunedì 22 novembre 2010

Ansiolin e ascensori

Troppo diazempam dice mio figlio. Insiste. Mi guarda male quando torno dalla farmacia col sacchetto che mi rassicura. Depreca con severità. Fastidio. Sapesse come amo quell'effetto di chimica anti aritmia. Con lo svizzero ho sopportato ascensori altissimi, ho moderato claustrofobie. Ma l'aritmia non la so trattenere. E' come se ogni volta credessi di morire. Magari muoio davvero e fra un sussulto e l'altro del cuore rinasco. Cuore vecchio, diverse follie in sequenza ipnotica( voglia del lago) magie friabili, possibili rivoluzioni. ( la vita da cambiare) Può succedere, nell'inarrestabile flusso. Troppo diazepam in ogni caso.